Lunedì 13 marzo a Cuneo una serata con Daniela Fiorito che racconterà la sua esperienza di tre anni nella cooperativa agricola Meru Herbs in Kenya.

Alle ore 21 presso la Parrocchia Salesiana in via San Giovanni Bosco 21, un incontro per conoscere da vicino la realtà di commercio equosoldiale fondata nel 1991 dal cuneese Andrea Botta che oggi offre lavoro e speranza a una cinquantina di donne.

Daniela Fiorito, saviglianese, ex servizio civile e cooperante della ong Ipsia Acli testimonierà il suo impegno che per tre anni grazie alla ong Ipsia Acli l’ha portata a lavorare in questa realtà con il progetto “Alimentare lo sviluppo”.

La Meru Herbs, situata a 250 km dalla capitale Nairobi, produce carcadé, té nero, camomilla, marmellate ai frutti tropicali e peperoncino coltivati con metodo biologico da oltre 400 agricoltori. Questi prodotti arrivano poi in Italia grazie al circuito del commercio equosolidale, importati da Altromercato ed Equomercato che li distribuiscono alle Botteghe sparse in tutto il Paese.

Questa cooperativa è un esempio concreto di cooperazione, emancipazione femminile, sviluppo sostenibile e imprenditorialità etica che guarda al futuro con numerosi nuovi progetti e prodotti.

La serata, ad ingresso libero e gratuito, si concluderà con una degustazione di prodotti biologici equosolidali della Meru Herbs Kenya.

L’iniziativa è promossa dall’Ass. Meru Herbs Italia onlus, Ipsia Acli e dalla rete locale di Botteghe del commercio equosoldiale con Ass. Compartir Giovane (Cuneo – Caraglio – Dronero), Cooperativa sociale Colibrì (Cuneo – Borgo San Dalmazzo – Fossano – Saluzzo – Mondovì, Ass. Qui e Là (Boves), Ass. Tam Tam (Savigliano), Ass. Equazione (Chiusa Pesio).

Per informazioni www.meruherbs.it, info@meruherbs.it