Federica e Gianella, in Servizio Civile alla Meru Herbs Kenya con Ipsia Acli, ci raccontano della nuova scuola individuata per il programma di gemellaggio con l’Italia che per ora coinvolgerà le scuole di Casale Monferrato. La nostra associazione è pronta a farsi tramite di altre che vogliano sostenere questo progetto.

“Mercoledì 14 dicembre ci siamo recate alla scuola Kigani che si trova a Kitinho nella contea di Tharaka Nithy. Abbiamo incontrato il preside Kemadi e due professoresse: Mary e Lidia, le quali, dopo una preghiera, si sono presentate e ci hanno introdotte a scuola.

L’incontro ha avuto la finalità di conoscere le problematiche che affrontano nella loro quotidianità. Dobbiamo evidenziare che erano molto felici e grati del fatto che in Italia vi fossero delle persone sensibili e interessate a conoscere la loro realtà e a voler instaurare un rapporto a distanza.

La scuola Kigani Primary School è una scuola pubblica, fondata nel 1999. La frequenta circa una cinquanta di bambini e conta il sostegno di cinque insegnanti.

Dopo la sua fondazione ha avuto molte difficoltà per trovare un sostegno statale, quindi ha dovuto usare le scarse risorse a disposizione per andare avanti e offrire un servizio scolastico. Un aspetto molto evidente dalla sua struttura di fango, inospitale per gli studenti che nelle stagioni di piogge si ritrovano con le aule inondate.

Da circa due anni, la scuola è riuscita a instaurare rapporti più proficui con le autorità locali, le quali ci aiuteranno nella costruzione di un’aula, ma non è sufficiente: la Kigani School presenta altre necessità: la costruzione di altre 3 aule, la mancanza di fondi per provvedere al materiale scolastico di cui hanno bisogno gli insegnanti, non ha un accesso diretto all’acqua. La scuola deve pagare ai vicini agricoltori che hanno la disponibilità di acqua per irrigare la loro shamba (campo dimostrativo). È da considerare che durante le stagioni di scarse piogge anche i contadini si trovano in difficoltà a soddisfare i loro bisogni di acqua per i campi.

Inoltre la scuola non può garantire il pasto ai bambini, pertanto frequentano la scuola fino all’ una del pomeriggio anziché le quattro. Questo è un problema che accomuna molte scuole pubbliche in Kenya, ma di solito i bambini riescono a portarsi del cibo da casa. In questo caso, sembra che siano costi che le famiglie della Kigani School
non riescono a coprire.”